• 0
    Il tuo carrello è vuoto
Campania

Campania

Regione Campania

 

La Campania (AFI: /kamˈpanja/[5]) è una regione italiana a statuto ordinario dell'Italia meridionale di 5 827 840 abitanti[3]. È la terza regione per numero di abitanti (dopo la Lombardia e subito dopo il Lazio), la più popolosa dell'Italia meridionale e la prima per densità. Ha una superficie di 13 670 km2. Incuneata tra il mar Tirreno, a ovest, e l'Appennino meridionale, a est, la regione confina a nord-ovest con il Lazio, a nord con il Molise e a est con Puglia e Basilicata. Oltre al capoluogo di regione Napoli, le città capoluogo di provincia sono Avellino, Benevento, Caserta e Salerno. Lungo le coste della Campania sono presenti quattro golfi: il golfo di Gaeta, il golfo di Napoli, il golfo di Salerno e il golfo di Policastro.

 

L'entroterra era abitato già nel III millennio a.C. da popolazioni sannite, osche e volsche. Dall'VIII secolo a.C. si svilupparono lungo la costa diversi insediamenti di popolazioni di civiltà greca dai quali ebbero origine le colonie magnogreche di Pithecusa, Cuma, Parthenope, Neapolis e Poseidonia. L'area costituì anche l'estremo limite meridionale dell'espansione etrusca. L'interno rimase invece abitato dalle stirpi dei Sanniti. Nella seconda metà del IV secolo a.C., con le guerre sannitiche la regione fu posta sotto l'influenza di Roma, che la ribattezzò Campania felix in riferimento alla sua prosperità. Con il tramonto della civiltà romana, si disgregò anche l'unità politica della regione, che dal V secolo finì in gran parte sotto l'influenza longobarda e in misura minore sotto quella bizantina.

 

Nel XII secolo, con l'ascesa della dinastia normanna, la regione trovò unità politica sotto la corona del Regno di Sicilia. Dal XIII secolo al XIX, nonostante il susseguirsi delle dinastie angioine, aragonesi e borboniche, il regno di Napoli ed in particolare la capitale e la sua corte divennero uno dei principali poli culturali, artistici ed economici d'Europa. La marginalizzazione dell'area seguita all'unità d'Italia è alla base del declino economico e sociale che si registra dalla seconda metà del XIX secolo, indicato con la locuzione di questione meridionale.

 

La Campania annovera sei siti[6] insigniti del titolo di Patrimonio dell'Umanità da parte dell'UNESCO, terza regione italiana a pari merito con la Sicilia dopo i sette siti delle Toscana ed i nove della Lombardia; tra i quali il centro storico di Napoli, il più vasto del Vecchio Continente[7][8] oltre alla Reggia di Caserta, gli Scavi di Pompei, Ercolano ed Oplonti, la Costiera Amalfitana, il Parco Nazionale del Cilento e il Complesso di Santa Sofia a Benevento. In Campania si trovano 5 dei primi 20 siti statali più visitati nel 2013 secondo il Ministero dei Beni e delle Attività culturali[9]. Secondo i dati Eurostat del 2011 la Campania è tra le 20 regioni più visitate in Europa e tra le prime in Italia[10].


I sapori della terra

Ci sono alcune specialità campane che tutti conosciamo, pensiamo alla pizza, alla mozzarella, in realtà per apprezzare a pieno i prodotti tipici campani bisogna recarsi sul luogo.
 
Per apprezzare a pieno la loro tipicità bisogna venire qua, a Napoli, a Caserta, a Capri, sulla costiera amalfitana, allora la pizza avrà un a fragranza unica, la mozzarella di bufala si scioglierà in bocca, l' aria avrà il profumo della pastiera napoletana e del limoncello.
 
 
La Campania è una terra ricca di tradizioni e di sapori autentici, basti pensare ai limoni della costiera amalfitana, l’olio extravergine d’oliva del Cilento, i pomodori tra cui l’inconfondibile san marzano, la mozzarella di bufala, ingredienti principi della pizza margherita, inoltre vi sono prodotti tipici campani che hanno ottenuto riconoscimenti anche dall’unione europea come il caciocavallo silano, i fichi bianchi del Cilento, i cipollotti nocerini. Tra i frutti la nocciola di Giffoni, oppure qualità di castagne prelibate come il marrone di Roccadaspide.
 
 
La Campania vanta ben 18 vini DOC e 9 vini IGT, vini buonissimi come il Greco di tufo, il Taurasi.
Tra i dolci chi non conosce il babà? Specialità campana veramente deliziosa, il torrone di Benevento, la pastiera napoletana, gli struffoli con frutta candita, i cannoli alla sorrentina e tanti altri.
 
In Campania si trovano botteghe artigiane note per la lavorazione del corallo e dei cammei, dell’oro, della seta di San Leucio. dei ricami, della costruzione di presepi, degli intarsi sorrentini, della lavorazione della carta ad Amalfi, delle ceramiche di Capodimonte.

Atlante dei prodotti DOP e IGP della Campania


I Prodotti divisi per Provincie



Limoncello Tubenna / Nonna-Anna

€ 5,35

Tubenna, infuso idroalcolico, fine pasto eccezionale, consigliato soprattutto dopo aver gustato piatti a base di pesce o insalate.

Tempistica di preparazione prevista: 5 giorni lavorativi

Depiè Rosè D.O.P. / Farro S.r.l.

€ 9,63

CAMPI FLEGREI D.O.P. DEPIE’ ROSE’

Tempistica di preparazione prevista: 5 giorni lavorativi

“Le Mongolfiere a San Bruno” Aglianico del Taburno Rosato DOCG / Fattoria La Rivolta

€ 11,23

Era il sei ottobre, sull’aia della fattoria si festeggiava il giorno di San Bruno. Partite dal raduno annuale di Fragneto, due mongolfiere dai mille colori atterrano ai margini della vigna mentre si raccolgono le prime uve di aglianico.

Tempistica di preparazione prevista: 5 giorni lavorativi

Spumante Brut, Greco IGT / Az. Agr. Le Masciare

€ 22,47

Il colore è di un giallo dorato, il suo profumo leggermente minerale con noti di albicocca, pera, pesca e agrumi, con un’ottima acidità. I toni di frutta rimangono sullo sfondo con un retrogusto leggermente amaro, che ricorda le mandorle.

Tempistica di preparazione prevista: 5 giorni lavorativi

Kit Macchina a capsule comp. Lavazza + Capsula Crema da 50 / Chirico Caffè Italia S.r.l.

€ 169,05

Kit Macchina a capsule comp. Lavazza + Capsula Crema da 50

Tempistica di preparazione prevista: 5 giorni lavorativi